.
Annunci online



il pensierino prima delle vacanze...

In questi giorni ho sentito da molte persone (manco si fossero date appuntamento) la frase: “l'uomo è diverso dall'animale perchè l’uomo ha la ragione, l’animale solo l’istinto”...
beh...ammesso e non concesso che non è detto che sia necessariamente un difetto e che di uomini con la ragione ne incontro sempre meno...penso che una stronzata simile può pensarla solo chi non ha mai vissuto con un animale e quindi non ha mai potuto apprezzarne l'umanità.

P.S.
...su questo mio spicciolo pensiero…vi saluto augurandovi buone vacanze!...rimandandovi, se volete, al 23 (che porta fortuna) agosto!
Ciao!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stronzate animali ragione istinto vacanze

permalink | inviato da Lou Mogghe il 27/7/2007 alle 17:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


Video in assenza di gravità

Dopo alcuni giorni di assenza eccomi di nuovo qui…
Per oggi vi segnalo questo simpatico video in assenza (o quasi) di gravità…



Follia microgravitazionale



permalink | inviato da Lou Mogghe il 22/7/2007 alle 10:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


Il dibattito pacato e cordiale...

Devo fare una rettifica: in passato ho affermato, parafrasando le parole di un mio amico, che la rozzezza comunicativa del Cavaliere e di tutta la CdL ha portato ad una caduta verticale dello stile degli esponenti politici…
Promuovendo un dibattito di basso livello in cui la discussione sul merito viene spazzata via da un linguaggio sempre più spesso volgare dove vince chi la spara più grossa ed in cui l'obiettivo non è più quello di dire la propria, bensì quello di far odiare l'avversario agli occhi dei cittadini più disattenti alla vita politica…

Beh, mi devo ricredere...devo riconscere che, nell’ultimo periodo, sopprattuto nel centro-destra ci si sforza quotidianamente di promuovere un dibattito pacato e cordiale nel pieno rispetto delle idee altrui…
(altri esempi di dibattito pacato e cordiale 2, 3, 4, 5)




permalink | inviato da Lou Mogghe il 14/7/2007 alle 0:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa


Il linguaggio ggiovane...

Dopo che il Cavaliere ha dato il “LA” con l’uso del linguaggio ggiovane per rivolgersi ai ggiovani (vedi "le str...di Prodi")…anche l’ex “ministra” dell’istruzione, cioè una che di cultura se ne intende (?)…inizia ad usarlo: «Ragazzi, rispettate i patti o sarete cazziati»

A questo punto uso sto linguaggio pure io: ma Vaffan…

P.S. strano però…perché un collega del Cavaliere vissuto 2000 anni fa in medio oriente…per parlare ai giovani non ha usato questo linguaggio…
Evidentemente non aveva capito i ggiovani come Berlusconi.




permalink | inviato da Lou Mogghe il 12/7/2007 alle 14:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


Quoto...

Il fatto che il PD si stia dando delle regole…e che queste entrino nel merito della partecipazione politica delle donne…mi permette di tornare con la mente su un argomento che finora non ho mai trattato qui sul blog: le “quote rosa”.
A mio avviso queste “quote”, più che un passo avanti sono state un passo indietro…mi spiego meglio:
l’articolo 3 della Costituzione afferma che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”
Il Governo Berlusconi con le sue “quote” prevedeva (e prevede) che almeno un terzo del parlamento fosse “in rosa”…un provvedimento che, così formulato, è anticostituzionale perché fissa un tetto minimo solo in un verso…
Noi non possiamo sapere se in un futuro il Parlamento non sarà composto, chessò, dal  97% di donne e dal 3% di uomini…in quel caso che faremo…le “quote blu”?...così formulato paradossalmente questo provvedimento immette un ostacolo di ordine sociale limitando l’uguaglianza (etc etc), non lo elimina.
A mio avviso un provvedimento equo avrebbe dovuto prevedere, ad esempio, che almeno un terzo della rappresentanza in parlamento fosse garantito sia alla rappresentanza femminile che a quella maschile…




permalink | inviato da Lou Mogghe il 12/7/2007 alle 9:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


Per i parlamentari che verranno...

Vi segnalo una notizia letta ieri sul sito “non solo banca”:
Gli uffici di presidenza del Parlamento Italiano hanno presentato la bozza sulla riduzione dei costi della politica. I tagli non saranno però applicati agli attuali parlamentari ma soltanto a quelli che saranno eletti nella prossima legislatura. E' il caso delle indennità percepite dagli onorevoli. Fausto Bertinotti, presidente della Camera, ha difeso la scelta in nome del diritto acquisito dagli attuali onorevoli. Finora ai parlamentari è stato sufficiente maturare due anni e mezzo di legislatura per avere diritto al vitalizio. Le nuove regole imporranno 5 anni effettivi di attività e aver compiuto almeno 65 anni per godere del vitalizio (60 anni per chi ha alle spalle almeno 10 anni di attività parlamentare). La pensione del parlamentare scenderà dall'attuale 80% dell'indennità (oggi di 14 mila euro al mese) al 20% per chi ha fatto parte del Parlamento per 5 anni, 40% per 10 anni e 60% per più di tre legislature. Queste modifiche ovviamente non riguarderanno gli attuali parlamentari e i loro 'sacrosanti' diritti acquisiti.
Comunque, qualche piccolo taglio più vicino nel tempo diverrà operativo nel gennaio 2008. E' il caso dell'abolizione dei circa 3-4 mila euro a disposizione dei parlamentari per i viaggi di studio. Stop ai doppi stipendi. Scatterà da gennaio anche il divieto di cumulo del vitalizio con altre indennità non parlamentari derivanti da incarichi di governo o presso enti locali.

Ovviamente tutto ciò non è proprio quello che noi tutti comuni mortali ci aspettiamo…ma almeno un qualcosina comincia a muoversi anche in questo senso…




permalink | inviato da Lou Mogghe il 11/7/2007 alle 2:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa